ARRICCHITO IL SITO DEDICATO A FRANCESCO LANZA

Il già ricco sito dedicato allo scrittore valguarnerese, che si propone di pubblicare tutto quanto Lanza ha scritto e  quanto su di lui è stato scritto, si è ulteriormente arricchito di nuovi rilevanti elementi.
Nel maggio del 1929, Francesco scriveva da Roma all’amico Nino Savarese: “Faccio una vitaccia: ti dico solo che lavoro di notte alla… cronaca! Non pensavo mai di andare a finire così”. I curatori del sito sono andati a ritrovare l’annata del giornale per il quale egli lavorava, hanno fatto qualche fotocopia ed ecco gli articoli di Lanza apparsi sul Tevere nel 1929 e mai più ripubblicati. Non si tratta quindi di inediti in senso stretto, ma quasi.
Nella rubrica “Lettere” vanno ad aggiungersi a quelle già pubblicate, le lettere che Lanza scrisse a Savarese (originali e trascrizione) e a Navarria. Leggendo queste ultime, si potrà, tra l’altro, scoprire l’identità della ragazza amata dallo scrittore, partecipare al suo dolore per il fratello Nino morto in guerra o venire a conoscenza dell’inatteso ruolo di padre si famiglia cui le contingenze lo costrinsero.
La rubrica “Teatro” viene finalmen
te completata con la pubblicazione del testo della commedia Una moglie brutta e in quella intitolata “Poesia” viene pubblicata integralmente la raccolta Poesie di gioventù del 1926.
Vedono la luce on line alcuni ottimi scritti di Nicola Basile (biografici e critici) che cominciavano a diventare difficili da reperire e uno stimolante articolo di Melo Freni. La Bibliografia lanziana è stata aggiornata ed è stata completata la rubrica dedicata agli scritti direttamente ispiratigli da Valguarnera.
Buona lettura!