Blitz antidroga sui pullman degli studenti, intervista al responsabile del Sert

I cani antidroga delle unità cinofile dei carabinieri, hanno trovato un  pò di tutto sui pullman degli studenti pendolari valguarneresi che frequentano le scuole superiori di Piazza Armerina. Ieri mattina, intorno alle 7, i carabinieri di Valguarnera, comandati dal luogotenente, Nicola Lo Moro, coadiuvati dal gruppo cinofili di Catania, hanno bloccato i pullman in partenza da Valguarnera per Piazza Armerina. Gli studenti sono stati fatti scendere e i cani antidroga hanno ispezionato gli autobus, sui quali sono stati trovati vari spinelli, hashish, marijuana, cartine e macchinette macina tabacco. Tutta roba che sarebbe stata lasciata sul pullman in fretta e furia da alcuni studenti impauriti dal blitz dei carabinieri. A seguito di ciò, nessuno dei probabili possessori è stato identificato e gli studenti hanno ripreso il pullman e raggiunto le scuole che frequentano presso la Città dei Mosaici. La droga ritrovata sui pullman fa suonare forte un campanello d’allarme, visto che da parte dei carabinieri, sono sempre più frequenti i controlli a Valguarnera con il ritrovamento di giovani e meno giovani in possesso di sostanze stupefacenti. Giorni addietro i militari dell’Arma hanno perquisito varie abitazioni e pare proprio che si stia cercando di porre un freno al dilagante fenomeno che sta investendo sempre più ragazzi e ragazze. Noi abbiamo sentito il dottor Stefano Dell’Aera, responsabile del Sert (Servizi per le tossicodipendenze) dell’Azienda sanitaria provinciale di Enna. <<Proprio qualche giorno addietro- dice il dottor Dell’Aera- sono stato a fare informazione in una scuola di Valguarnera>>. A Stefano dell’Aera, chiediamo se i dati in suo possesso certificano una crescita dei  consumatori. <<Purtroppo- dice Dell’Aera- il fenomeno è dilagante dappertutto. Oltre ai derivati della cannabis c’è la nuova moda di fumare eroina nella carta stagnola ed i ragazzi sono convinti che solo perché non viene assunta per endovena non si diventa dipendenti>>. Com’è possibile che si acquisti droga così facilmente? <<L’interesse economico da parte di chi gestisce il mercato delle droghe è fortissimo. Al giorno d’oggi- afferma Dell’Aera- con soli 5 euro un ragazzo acquista il dosaggio per 2 spinelli. Ma l’uso della cannabis è molto diffuso tra adulti e minori. Allo stato attuale e con i mezzi che si stanno adoperando- afferma il responsabile del Sert – non vedo rimedi>>. Stefano Dell’Aera, però, apre una finestra interessante. <<Negli Stati in cui le droghe sono state legalizzate, i dati confermano che non c’è stato un aumento dei consumatori>>. I dati della legalizzazione, quindi, sarebbero positivi e atti a contrastare i traffici di droga e le organizzazioni criminali che ne traggono profitti astronomici.

Arcangelo Santamaria