Il ricordo della Pro Sport 85 dell’amico Mennea: “Siamo ancora qui grazie al suo aiuto”

Anche la Pro Sport 85 Valguarnera, lo storico team di atletica leggera, presieduto da Filippo Giarrizzo, piange la morte di Pietro Mennea. Lo storico velocista azzurro, come era suo stile, anni addietro con grande umiltà, aiutò la Pro Sport 85 Valguarnera a sopravvivere. <<Anni addietro- ricorda il presidente, Filippo Giarrizzo- quando il Comune ci “espropriò” il pistino e le pedane di atletica per fare posto all’allargamento del campo di calcio, Pietro Mennea ci regalò delle stuoie in materiale sintetico che ci permisero di continuare l’attività e ci aiutò a non chiudere bottega. E’ grazie a Pietro Mennea, se la Pro Sport 85 ha continuato ad esistere e a sfornare giovani atleti. Pietro il merito è anche tuo>>. Mennea, un campione in pista ma soprattutto un campione fuori dalla pista. Se Filippo Randazzo, (il lunghista della Pro Sport, di recente qualificatosi ai mondiali giovanili), ha la possibilità di allenarsi a Valguarnera, se le gemelle Antonella e Maria Concetta Manna, hanno costruito i loro successi su questa pista e se tanti, ragazzi, bambini e bambine, oggi corrono sul quel pistino rosso del “Sant’Elena”, devono ringraziare anche il mitico Pietro Mennea, la “Freccia del sud”, che per anni ci ha fatti sentire orgogliosi di essere italiani, come lo era, Mennea, l’uomo più veloce del mondo con l’incredibile tempo di 19”72.
Arcangelo Santamaria