ENZO BARNABÀ ANNOVERATO TRA GLI SCRITTORI LIGURI

“Sette”, il settimanale del Corriere della Sera attualmente in edicola, annovera lo scrittore valguarnerese Enzo Barnabà tra gli autori del Ponente ligure. Gli abbiamo chiesto un commento.
“Sono carrapipano cu a scòrcia” ci ha risposto. ” Il mio primo libro, quello cui forse sono più legato, si chiama “I Fasci siciliani a Valguarnera” e questo elimina ogni equivoco. Vivo a Grimaldi di Ventimiglia, alla frontiera con la Francia, cosa che può indurre a classificarmi tra gli scrittori liguri. Trovarmi in compagnia di un grande scrittore quale è stato Francesco Biamonti (della cui amicizia mi onoro) non può che farmi arrossire. La Liguria assomiglia molto alla Sicilia, ne condivide paesaggi, odori e sapori, come rilevava il viagrandese Antonio Aniante che abitava a due passi da casa mia e che, come me, non ha mai dimenticato l’isola natale”.

Di cosa ti stai occupando in questo momento?
“Di Francesco Lanza. Non so ancora se scriverò qualcosa su di lui, ma vorrei che le sue pagine fossero più e meglio conosciute. Scannerizzo quanto lui ha scritto e quanto su di lui è stato scritto e, assieme a Sebastiano Giarrizzo, metto i testi on line nel sito www.francescolanza.it in modo che essi siano a disposizione di tutti: di lettori, curiosi e studiosi italiani e stranieri. Presto saranno pubblicati i suoi scritti dedicati a Valguarnera. Dovremmo davvero essergli grati perché il nostro Ciccio Lanza mette a fuoco il paese sul finire degli anni 1920, fornendocene un ritratto attento e poetico nello stesso tempo.”

Chi volesse conoscere in dettaglio la produzione di Enzo Barnabà può consultare il sito: http://www.zam.it/biografia_Enzo_Barnab%E0.