“Insieme per cambiare” si sfoga su come l’amministrazione “non ha contribuito al Children’s day “

Riceviamo e pubblichiamo quanto ricevuto dall’Associazione “Insieme per cambiare”, ovviamente siamo pronti a pubblicare eventuale smentita o dichiarazione da chi messo in ballo dall’associazione

Nell’ultimo anno e mezzo abbiamo organizzato diversi eventi, in collaborazione con associazioni, cittadini e commercianti; abbiamo ricercato, proprio per smorzare toni e polemiche, il dialogo e la collaborazione con l’ente comune evitando strumentalizzazioni per le attività culturali e/o ricreative intraprese. Non abbiamo mai chiesto una sede, non abbiamo mai ottenuto un contributo, abbiamo rispettato le regole e protocollato ogni richiesta per le eventuali autorizzazioni. Eppure hanno continuato a metterci i bastoni tra le ruote, non hanno mai pubblicizzato un nostro evento salvo quelli della “loro gente” e non hanno mai mantenuto la parola. Per la prima edizione del children’s day, non solo abbiamo dovuto pagare la luce alla villa nuova (100 euro) e provvedere autonomamente al service ma siamo rimasti senza bagni e senza pulizia, con condizioni igieniche vergognose. All’assessore Trovato, come del resto all’amministrazione comunale, questo non interessava perché troppo impegnati a giocare a monopoli con il nostro paese. Vista la grande partecipazione delle famiglie, per la seconda edizione abbiamo pensato di coinvolgere con largo anticipo i nostri amministratori, addirittura svolgendo l’evento in mezza giornata, in maniera trasparente e senza fini politici. Abbiamo richiesto un contributo e, alla presenza del sindaco e altri due rappresentanti dell’associazione, ci siamo accordati per circa 250 euro. Abbiamo protocollato tutto e allegato dei preventivi per bibite e cornetti, come da accordi l’assessore Trovato, per evitare polemiche e strumentalizzazioni, si è offerto di provvedere alle spese personalmente. Non ci sembrava vero e difatti non lo era. Un mese dopo non solo si è rimangiato la parola ma si è anche recato dai commercianti, lavandosene le mani come Ponzio Pilato ed invitando gli stessi a reclamare presso l’associazione. Avvicinato da uno di noi, ha risposto: “il massimo che posso concedere è 150 euro come da accordi”. Dunque, a noi toccherebbe l’ingrato compito di scegliere quale dei due commercianti far pagare e, chiaramente, provvedere al pagamento del restante. Con Determina n. 110 del 24-08-2016 sono stati erogati, a favore dell’associazione Nuova Compagnia Sipario di Amore Federica di Piazza Armerina, 2.500 euro, mentre con Determinazione Dirigenziale del Settore Economico n. 119 del 23-09-2016 sono stati erogati, a favore dell’associazione culturale AGER alias “Startnews” (con Direttore l’ex sindaco di Piazza Armerina Fausto Nigrelli), altri 2.500 euro. Per cento euro, quindi, create l’imbarazzo ma nel frattempo ne spendete, con leggerezza, cinquemila a favore di altre associazioni non appartenenti al nostro comune? Bel modo di operare. Non avete soldi per associazioni e commercianti che, collettivamente, tengono in piedi l’estate ma per acquistare un pezzetto di stampa locale tirate fuori il coniglio dal cilindro? L’associazione Insieme per Cambiare non sceglie tra i commercianti, se non manterrete la parola, rifiuteremo anche i 150 euro pagando di tasca nostra. Rispetto, fiducia e trasparenza non vi appartengono come non vi appartiene Valguarnera.

L’Associazione
INSIEME PER CAMBIARE