Il M5S chiede i dati della raccolta differenziata

<<La crisi dei rifiuti a Valguarnera non si risolve definitivamente con provvedimenti tampone. La raccolta differenziata è l’unica soluzione, economicamente sostenibile, per evitare anche in futuro la riproposizione dello scempio a cui abbiamo assistito nei giorni passati. Pertanto non comprendiamo il ritardo dell’attuale amministrazione comunale in materia>>. E’ questa l’opinione del Movimento 5 Stelle di Valguarnera che con il portavoce, Angelo Lamartina, aggiunge: <<Sembra che finora sia stata data la dovuta attenzione alle novità derivanti dall’entrata in vigore dell’obbligo di raccolta differenziata a partire dal 2015. L’estate scorsa- afferma Lamartina- l’amministrazione comunale è stata considerata inadempiente dalla Regione Siciliana con riguardo alla trasmissione dei dati relativi alla raccolta differenziata dei rifiuti. Ovviamente tale inadempienza rappresenta un impedimento alle operazioni di controllo e monitoraggio del Ministero dell’Ambiente, sulla base dell’Ordinanza 5/Rif del 7 giugno 2016 relativa alla speciale forma di gestione dei rifiuti in Sicilia, che obbligava il nostro sindaco ad attivare (entro 10 giorni dall’Ordinanza) “ogni azione utile per incrementare le percentuali di raccolta differenziata>>. Il Movimento 5 Stelle chiede cosa è stato fatto. << L’attività di raccolta differenziata è un obbligo a cui la nostra amministrazione non si può sottrarre, a meno che essa non voglia essere supplita da un “potere sostitutivo”, ai sensi dell’art. 4 dell’ordinanza sopracitata. Per conseguenza, ad un anno di distanza dalla sollecitazione, noi chiediamo, a fronte della recente crisi dei rifiuti (con risvolti igienico-sanitari), a cui abbiamo assistito per le strade nella nostra cittadina, quali dati sono stati trasmessi e quali azioni sono state fino ad oggi intraprese dai nostri amministratori per adempiere all’obbligo della normativa di settore?>>. Abbiamo sentito l’assessore all’Ambiente, Fabio Riccobene che dice: <<Come abbiamo più volte spiegato, il ritardo nell’avvio della raccolta differenziata è dovuto ai noti problemi del “sistema rifiuti” in provincia. Abbiamo già aperto un tavolo tecnico con la nuova ditta che ha in gestione il settore in paese. Contiamo di partire con la raccolta differenziata nel giro di poco tempo>>.

Arcangelo Santamaria