“Donna in moto”, notevole successo del motoraduno del Centauromenium di Taormina nonostante la pioggia

Edizione bagnata ma fortunata. Si è concluso con grande soddisfazione il Motoraduno 2017 del motoclub “Centauromenium” di Taormina, presieduto da Salvatore Di Maria. Quest’anno il tema della violenza sulle Donne voleva essere il richiamo istituzionale, ma le istituzioni, come spesso accade, sono sorde e pure cieche nei confronti di chi, per scelta, canta fuori dal coro. Poco importa lo scarso audience dei colletti bianchi che viene contrappesato dalle ratifiche ricevute dalla società civile, evidentemente più attenta e soprattutto disinteressata. Il Motoraduno, denominato “Donna in moto”, ha visto la presenza di 78 partecipanti, numero generoso per un evento in questo periodo. Grande partecipazione da parte degli amici Calabresi di Praia a Mare, “Motoclub Praia Mare” di Reggio Calabria, “Reggio Bikers” e anche il gruppo “La banda a limitatore” sempre dalla Calabria. Come nota negativa, nessun Motoclub FMI siciliano era presente al motoraduno evidentemente non vi sono più motociclisti in Sicilia. Presente pure una grande amica del presidente, una motociclista dalla Turchia impegnata a fare il giro d’Europa, e che ha fatto il possibile per partecipare all’evento. Sono arrivati anche un po’ da tutta la Sicilia gli altri partecipanti. Presente anche il vice presidente del Comitato Regionale Sicilia Della Federazione Motociclistica Italiana, Andrea Chillemi. “E’ indispensabile – dichiara Salvatore Di Maria – ringraziare l’amministrazione di Castelmola, e di Roccafiorita per la disponibilità ed il sostegno nei confronti di un evento che non era solo un Motoraduno. Mi preme ringraziare anche la mamma di Alessandro Lo Turco a cui è stato dedicato il terzo memorial. Ringrazio inoltre tutto lo staff Centauromenium per essere sempre presente”