Le reazioni del mondo politico locale alla vicenda di Laisa

“Alla soglia del 2019 certe condizioni non si possono accettare!- afferma Concetta Dragà capogruppo di Forza Italia – Non si può ignorare la disperazione di un padre o di un intera famiglia. Nel sociale in questi 4 anni non si è fatto più di quello che concerne l’ordinario… Nulla si è tentato di creare per arginare situazioni particolari… chi ama il proprio paese chi ama il proprio territorio deve attivarsi in tal senso, creando condizioni favorevoli e portando avanti progetti di integrazione sociale. Bisognerebbe avere una sensibilità interiore diversa probabilmente e obbiettivi territoriali diversi per far sì che vi sia sviluppo e crescita culturale e sociale.”

Anche Il movimento l’Altra Voce per Valguarnera  esprime piena solidarietà nei confronti della famiglia Laisa. “Le istituzioni, ognuna per le proprie competenze – afferma il movimento –  devono impegnarsi per risolvere questa delicata situazione familiare. Auspichiamo una rapida soluzione per porre fine quanto prima a questo gesto estremo”.

Allo stesso modo il meetup 5 stelle: “Chiediamo alle istituzioni di intervenire a soddisfare le richieste del Sign. Laisa nel più breve tempo possibile affinché si trovi una struttura idonea per il figlio Carmelo”.

Rino Caltagirone