Cenni storici sui missionari e donne in Africa

Ciao a tutti,
Febbraio💘🎉
è ancora il cuore dell’inverno nella maggior parte dei luoghi e può essere un tempo triste per il tempo il suo clima.
La primavera è ancora lontana per molti di noi. Ma ovviamente la data che spicca a febbraio è San Valentino.
Un giorno di disperazione per alcuni, euforia per gli altri, o la speranza che qualcosa di eccitante possa accadere che possiamo o non possiamo aspettarci.
Non è solo un giorno per gli Innamorati,  ma una possibilità di esprimere l’amore per chi ci è vicino.
E ogni vacanza che coinvolge molto Cioccolato e Champagne merita davvero di essere Notata !!! alla Salute quindi ! 🎉🍾🍾🍸🍸🍸🍸🎂🎂
Spero che il Vostro San Valentino sia stato favoloso in modi che non ti aspettavi  Spero che abbia incluso molti fiori, cioccolatini, amore attenzioni  … e forse anche una Proposta !!! E anche se questo non è stato il tuo miglior San Valentino, c’è sempre l’anno prossimo !! Buon mese di febbraio !!!

Cenni storici sui missionari e donne in Africa

A voi tutti che mi seguite volevo farvi una breve introduzione al riguardo
Io vivo nel Regno Unito da piu di 25 anni ( sono nata e cresciuta in italia, ma ho finito i miei studi in Inghilterra dove sono rimasta e vivo ancora)
Io amo la mia terra Italia la terra dei nostri padri
Amo anche l inghilterra che mi ha adottato a braccia aperte e mi ha sempre coccolato e ancora lo Fa ! (scusate il mio romanticismo scritto
ma siamo in febbraio mese degli Innamorati ( affetto e attenzioni e cioccolatini )
Io mi divido tra Uk, e Africa al mm,…. questo mese l articolo e:
Missionari e le donne dell epoca in africa Un vasto continente
Pericoloso all epoca e pericoloso Oggi
L articolo e vario tra breve conversazioni dell epoca ad accenni su cultura Uganda e Nigeria accenni brevi alla magia e agli stregoni insomma una storia continuativa ma sempre breve accenni.
Se qualcuno fosse interessato al riguardo a saperne di piu, per qualsiasi articolo certo potete sempre contattarmi il Giornale hanno la mia email
oppure scrivere al giornale on line , e on line vi rirspondo molto volentieri
Molto felice di ricevere domande !
Allora andiamo in Africa al epoca 800

Breve conversazione del epoca1815
C.m.s. The Church Missionary Society
ha ricevuto le sue prime offerte di servizio nel campo della missione da parte delle donne. Tre signore si sono offerte di andare ovunque, ma la commissione ha deciso di non inviare donne non sposate all’estero, eccetto le sorelle che accompagnano o si uniscono ai loro fratelli.
Nel 1840 il vescovo Wilson scrisse dal Bengala per denaro per fornire istruzione a donne e ragazze. Il suo suggerimento era che dovessero essere ricevuti nelle case dei missionari sposati. Gli furono offerti i servizi di una signora in Inghilterra ansiosa di intraprendere il lavoro missionario in India. Rispose: “La signora non lo farà, mi oppongo, per principio e per esperienza della vita indiana, a donne single che vanno in un posto così lontano con la quasi certezza del loro matrimonio entro un mese dal loro arrivo. Persis e Tryphena e Tryphosa rimasero nel loro vicinato e nelle loro famiglie. ” Come osserva giustamente il dott. Stock nella sua ben nota “Società missionaria della Chiesa”: “Si osserverà che omette cortesemente Phcebe of Cenchrea, che certamente non è rimasto a casa”. Nonostante le obiezioni del Vescovo, alcune signore andarono in varie parti dell’India e diedero il massimo aiuto in varie stazioni missionarie. Tra il 1859 e il 1867 alcune donne furono accettate “in circostanze molto particolari”, ma fino al 1887 il lavoro delle donne non fu sistematicamente organizzato dalla società. Il C.m.s. poi cambiò la sua politica, probabilmente a causa del suo riconoscimento dell’ammirevole lavoro svolto dalle donne per altre società. Nel 1887 e nel 1888 furono inviate venti donne. I numeri sono aumentati costantemente fino a quando, nel 1910, 823 donne lavorarono sotto il C.m. in Africa, Cina, India, Ceylon, Giappone, Persia. Arabia Saudita, N.-w. Canada, Columbia Britannica, Palestina e Mauritiu

In Africa la necessità del lavoro delle donne è altrettanto grande. Il continente africano probabilmente contiene oltre 170.000.000 di persone, di cui circa 47.000.000 sono sotto il governo britannico. Circa un quarto delle persone sono musulmani e quasi i tre quarti sono pagani. Il culto pagano consiste principalmente nel propiziare gli spiriti malvagi. I “feticci” sono indossati per tenere lontani gli spiriti cattivi e attrarre quelli buoni. Un “feticcio” può essere un pezzo di erba o pelle, un osso, una pietra – quasi tutto. Può appartenere a una persona oa una tribù. I “feticci” devono essere visti ovunque – ad ogni svolta di una strada, su ogni casa, su ogni persona. Qualunque cosa può essere trasformata in un “feticcio” da un prete, che dovrebbe essere in grado di mettere il potere in esso.

“Fetish” è creduto principalmente in Africa occidentale e centrale. Il credo nella stregoneria è molto forte, in particolare nell’Africa occidentale. È considerato un crimine terribile, ma nessun uomo, donna o bambino è al sicuro dall’essere accusato di ciò. Se una persona vuole far del male ad un’altra persona, lo accusa di stregoneria. Ogni moglie è obbligata a mangiare un po ‘del cibo che ha preparato per suo marito in sua presenza per dimostrare che non l’ha stregato.

Un interessante resoconto delle superstizioni africane e delle terribili sofferenze che comportano è dato in “The Children of Africa”, pubblicato da Hod-der & Stoughton. Ci viene detto che anche il Sudafrica non è libero dalla paura della stregoneria. “Gli uomini o le donne del Sud Africa che dovrebbero praticare la stregoneria possono essere annegati o strangolati, o pugnalati o picchiati a morte, o legati al terreno nudi, e lasciati lì per morire di fame, o coperti di formiche nere in un sole cocente. sono legati a un palo nella loro stessa capanna, con ramoscelli e erba secca ammucchiati intorno a loro, poi la capanna è data alle fiamme, e i nemici si aggirano intorno, pronti a gettare di nuovo la vittima infelice se riesce a scappare. ” Un pastore inglese, mentre visitava le stazioni missionarie in Africa, scrisse a casa: “Non parliamo più del paganesimo di casa nello stesso respiro del paganesimo come qui”.

Lo stato delle donne in Africa
Gwandu, una città in Africa, contiene tra 10.000 e 15.000 abitanti. È circondato da una palizzata di pali e la cima di ogni palo è coronata da un teschio umano. Ci sono sei porte e l’accesso ad ogni porta è posato con un pavimento di teschi umani, le parti superiori sono le uniche parti che mostrano sopra terra. Più di 2.000 teschi sono usati nella pavimentazione che porta ad ogni porta.

Bishop Johnson scrisse nel 1903 del paese di Ibo, nel sud della Nigeria. : “Un giovane uomo, per farsi riconoscere come aver raggiunto la virilità, deve aver tagliato le teste di almeno due persone e averle esposte alla vista del pubblico.La frequenza del cannibalismo ha portato ad un’acquisizione di una simpatia per la carne umana, che è diventata spesso preferita alla carne delle bestie “.
Le donne non sono in una posizione migliore in Africa rispetto ad altri paesi non cristiani. Si dice che nelle zone più basse del Niger casi e bottiglie di gin siano lo standard con cui la maggior parte delle cose viene valutata, comprese le mogli. In molte parti è meno costoso comprare una moglie che una mucca. In altri posti sono più preziosi. Nel distretto dell’Uganda, ad esempio, una moglie è valutata a circa un centinaio di capre, in media. Un giovane è autorizzato a pagare la moglie a rate; forse trenta capre in giù. Quindi vive nel “villaggio” di suo suocero finché non ha pagato il suo debito al ritmo di due capre al mese. Quindi inizia un villaggio tutto suo, comprando più mogli come può permettersele.

Una volta, quando morì un re di Dahome, vennero uccise duecentottanta delle sue mogli. Un re di Yoruba chiese a un viaggiatore inglese quante mogli un re aveva in Inghilterra, e fu molto divertito a sentire “solo uno”. “Perché”, disse il re, “Ne ho così tanti che se si prendessero a vicenda le mani dell’altro e facessero una lunga fila si allungherebbero proprio attraverso il mio regno”.

Le donne in Inghilterra che si sono prefissate di considerare la posizione delle donne in Africa, se Mohammedan (vedi Every Woman’s Encyclopedia, Vol. 2, pag. 1275) o pagane, hanno sentito la chiamata a loro per andare dalle loro compagne con il “Buona notizia” del cristianesimo che, portato in Inghilterra molto tempo fa dai missionari, ha dato loro la posizione che detengono oggi. I missionari inglesi erano stati in Africa centrale per diciotto anni prima di sentirsi sicuri di permettere alle lavoratrici di unirsi a loro. Nel momento in cui erano autorizzati ad andare, se ne andarono. Tra coloro che si sono offerti, sono stati scelti cinque che erano considerati entrambi fisicamente idonei per l’arduo viaggio (di cui seicento miglia dovevano essere fatti a piedi), e anche adattati per essere i pionieri del lavoro delle donne nella missione in Uganda.

Quando arrivarono il 4 ottobre 1895, ci fu una scena della più eccitante eccitazione. Molte donne erano già diventate cristiane e desideravano l’aiuto e la guida delle donne inglesi nel lavoro di convertire le loro sorelle pagane e insegnare ai loro figli. L’educazione segue sempre la scia del cristianesimo. Nessuno poteva leggere in Uganda prima dell’avvento dei missionari. Non c’era una lingua scritta. Non solo nei libri missionari ma nei nostri documenti di stato di Sir H. H. Johnston, H.m. Commissario speciale, vengono forniti resoconti di quel bellissimo paese in cui “solletichi la terra con una zappa e si ride con un raccolto”, ma dove l’ignoranza della gente era indescrivibile.
La Chiesa in Uganda
Uno dei nomi più noti connessi con la missione nei primi giorni è quello di Alexander Mackay. Dopo aver appreso il linguaggio, lo ha ridotto alla scrittura, e poi ha proceduto a stampare fogli di lettura con una piccola pressa giocattolo, che aveva portato con sé dall’Inghilterra. Le persone erano tutte molto ansiose di imparare a leggere. Dato che non c’erano abbastanza fogli di lettura o insegnanti, una folla si radunava e guardava tutti sullo stesso foglio, senza prestare attenzione a se fosse capovolta o lateralmente. Il risultato è che oggi molti dei Baganda (abitanti dell’Uganda) possono leggere un libro in qualsiasi posizione.

Qui è impossibile dare la meravigliosa storia della conversione dell’Uganda. Si trova nella “Società missionaria della Chiesa della storia” e in altri C.m.s. pubblicazioni. Alla fine del 1895 c’erano 200 insegnanti e evangelisti nativi, interamente sostenuti dalla stessa Chiesa d’Uganda; 200 edifici affollati di fedeli o cercatori ogni domenica e la maggior parte di essi riempiti ogni giorno; 10.000 copie del Nuovo Testamento in circolazione; e 6.000 anime sotto istruzione quotidiana. C’erano 50.000 che sapevano leggere.

La Chiesa dell’Uganda è ora auto-costituita, autonoma e auto-amministrativa. Ad eccezione degli stipendi degli operai europei e delle loro case, la Chiesa è completamente autosufficiente e invia missionari anche nei regni pagani del protettorato dell’Uganda.

Lady missionari che si rivolgono a una tribù di nativi africani. Vi è una grande apertura per il lavoro delle donne tra i nativi dell’Africa, e il progresso del cristianesimo, specialmente in Uganda, è sia rapido che soddisfacente
I missionari videro i viaggi in Africa dai loro governi come un’opportunità per loro di diffondere l’insegnamento della fede cristiana. Hanno usato alcune delle risorse dell’Impero britannico e poi a loro volta l’impero li ha costretti a usare il loro insegnamento per soggiogare gli africani. I missionari sottolineavano gli insegnamenti di non mettere mai in discussione l’autorità e di accettare il dominio coloniale come ordinato da Dio.

Quando i missionari arrivarono in Africa, il villaggio che scelsero di stabilirsi li accolse spesso e diede loro terra per costruire le loro chiese. I missionari hanno anche usato la loro terra per costruire cliniche e scuole in cui i bambini africani sono stati educati. I nativi che accettarono gli insegnamenti dei missionari mandarono i loro figli nelle scuole e tendevano a diventare istruiti come predicatori e insegnanti.

Le cliniche che i missionari costruirono furono usate per trattare le malattie infantili. Molte persone non hanno accettato prontamente lo stile di vita dei missionari, ma a volte fissando i loro figli che muoiono di malattie infantili sono stati costretti ad andare in clinica per ottenere aiuto. Dopo che i loro figli furono guariti dai farmaci dei missionari i genitori si convertirono e presero parte alla chiesa e abbracciarono gli insegnamenti cristiani.

In altre aree in cui i missionari non sempre vedevano i numeri di conversione che volevano, così iniziarono a permettere ai loro fedeli di mescolare lo spiritualismo africano con il cristianesimo. Le credenze di spiritualità africana affermavano che le persone comunicavano a Dio attraverso gli antenati. Questa era la spiritualità degli Africani del sud. Quando i cattolici entrarono, permisero ai loro congregati di pregare attraverso i parenti morti al Dio cristiano per ottenere più membri.

Quando gli africani convertiti mandarono i loro figli nelle scuole missionarie, i loro nomi africani furono cambiati in nomi cristiani. Ciò è avvenuto in parte perché alcuni insegnanti missionari che erano spesso europei non volevano imparare la lingua locale o come pronunciare i nomi. Spesso i missionari insegnavano che i nomi africani erano pagani. In altri casi gli africani avevano dato ai loro figli nomi pagani che glorificavano le divinità pagane prima di convertirsi al cristianesimo e dato la comprensione dell’importanza dei nomi in entrambe le società.

L’eredità dei missionari cristiani vive fino ad oggi. Nell’Africa meridionale la maggior parte dei leader che hanno partecipato alla lotta per l’indipendenza sono stati educati da missionari o scuole costruite dai missionari. Ad oggi le scuole create dai missionari continuano a svolgere un ruolo fondamentale nell’educazione dei bambini nell’Africa meridionale.