Gara d’appalto rifiuti. Il Tar rigetta la richiesta della Progitec di “sospensiva” della gara

<< Il Tar (Tribunale amministrativo regionale) di Catania con ordinanza n. 235/2019 dello scorso 9 aprile, ha respinto l’istanza cautelare richiesta dalla ditta Progitec S.r.l. relativamente al ricorso proposto per l’annullamento di tutti gli atti della procedura di gara avviata dal nostro comune per l’affidamento settennale del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati nel territorio del comune di Valguarnera>>. A dirlo è la sindaca Francesca Draià. Il Tar etneo, in pratica, si è espresso sulla “sospensiva” e afferma che non c’è pericolo per accogliere il ricorso in via cautelare ed ha fissato l’udienza nel merito per il prossimo mese di novembre. La sindaca Draià, incassa positivamente il parere del Tribunale amministrativo regionale e aggiunge:<<Il Tar ha condiviso in questa fase cautelare le difese del legale incaricato dal nostro comune, l’avvocato Salvatore Brighina, non ravvisando negli atti di gara impugnati alcun profilo di anti economicità né tantomeno di irraggiungibilità degli obiettivi previsti dal bando di gara e dal capitolato, ritenendo pertanto non sussistere alcun pericolo di un danno grave ed irreparabile, condizioni imprescindibile per l’accoglimento della domanda cautelare di sospensione degli atti impugnati>>. Si può andare, quindi, avanti con la procedura di gara? <<L’Urega potrà procedere alle ulteriori fasi della gara con la massima serenità- dice Draià- per una rapida individuazione della ditta alla quale sarà affidato il servizio per 7 anni, così come prescrive la vigente normativa. E’ importante la definizione della procedura per avviare le nuove modalità del servizio in conformità al Piano di Intervento approvato dal consiglio comunale- aggiunge la sindaca- che permetterà al comune di raggiungere con orgoglio e grande soddisfazione ottimi risultati che consentiranno abbattimenti proporzionali della tariffa>>. Intanto e sempre in materia di rifiuti è saltata anche la seconda riunione della speciale commissione consiliare, presieduta da Giuseppe Profeta, a causa dell’impossibilità ad essere presente da parte del responsabile dell’Ufficio tecnico municipale.

Arcangelo Santamaria