Per l’Altra Voce, PD e Forza Italia “Inopportune le recenti dichiarazioni della Sindaca”

I gruppi consiliari “L’Altra Voce”, Pd e Forza Italia ritengono <<inopportune le recenti dichiarazioni della sindaca Draià la quale, in un momento in cui necessita spirito di collaborazione istituzionale, ha sentito, inspiegabilmente, la necessità di entrare in conflitto con altre istituzioni quali l’Azienda sanitaria provinciale e la Protezione Civile, impegnate a tutti i livelli per contenere la diffusione del virus>>. I consiglieri comunali dei 3 gruppi aggiungono: <<Sentiamo forte il dovere di fornire il nostro supporto nelle sedi istituzionali competenti e riteniamo sia utile, quanto prima, concordare azioni comuni con le altre comunità provinciali e verificare se le strutture sono attrezzate per rispondere all’emergenza sanitaria. Riteniamo necessario istituire un comitato istituzionale che sia in grado di fronteggiare con misure condivise l’attuale stato di emergenza. Siamo disponibili come ribadito in più occasioni a fare la nostra parte nei termini che più si riterranno idonei. Occorre accompagnare questa delicata fase con iniziative condivise in un clima di generale assunzione di responsabilità; noi in questa direzione intendiamo essere presenti, non rinunciando certamente al ruolo istituzionale assegnato>>.  “L’Altra Voce”, Pd e Forza Italia fanno alcune proposte: <<E’ fondamentale in questa fase varare una serie di misure economiche a sostegno della popolazione, quali per esempio: a) presentazione del piano economico finanziario per la gestione del servizio dei rifiuti al fine di predisporre il ricalcolo della tariffa, riducendone l’imposta a favore dei cittadini; b) prevedere il “Bonus Tari”, nella determinazione della tariffa dei rifiuti, al fine di garantire agevolazioni a favore delle famiglie indigenti; c) ridurre le imposte comunali applicando il principio di gradualità sull’addizionale Irpef; c) sospendere tutti i tributi locali per 4 mesi al fine di non gravare sulle famiglie e gli operatori economici; d) istituire un fondo finanziato con risorse comunali ed eventuali donazione di privati a favore dei lavoratori che, a causa dell’emergenza sanitaria, hanno subito una contrazione del proprio reddito>>. Infine un richiamo alla sobrietà. <<Siamo fortemente convinti che in questa delicatissima fase della storia d’Italia, sia necessario mantenere un profilo istituzionale responsabile e caratterizzato da sobrietà e serietà. I cittadini – concludono- hanno bisogno, oggi più che mai, di rappresentanti istituzionali in grado di trasmettere serenità alla popolazione. Invitiamo tutti a continuare a rispettare le regole dettate dal governo nazionale al fine di uscire quanto prima da questa emergenza. Se governiamo bene il presente saremo pronti ad affrontare il futuro>>.

Arcangelo Santamaria