Ristoratori e partite Iva davanti alla prefettura per protestare

Scenderanno in piazza al grido di “Mai più chiusi”. 10, 20, 100 tavoli apparecchiati per chiedere di riaprire i ristoranti, in sicurezza, ma subito .  La manifestazione di Enna, lunedì prossimo, 26 aprile,  in piazza Garibaldi, dalle 10 alle 13, è organizzata dai ristoratori ennesi ma parteciperanno, insieme, le partite iva, i proprietari di palestre, di cinema, il mondo dello spettacolo, le lavanderie, i bar, gli alberghi, gli agriturismi, i B&B, le discoteche, gli NCC, le agenzie di viaggio, le guide turistiche, le pizzerie,i  teatri  per chiedere l’immediata riapertura delle attività commerciali , l’eliminazione del coprifuoco e aiuti concreti alle imprese.

Secondo i ristoratori, tra le categorie più penalizzate dalle regole dei DPCM che si sono susseguiti,  servono regole nuove per ripartire e nuovi accordi per affrontare i prossimi difficili anni.

Non sono  più accettabili ritardi e incertezze che stanno danneggiando la vita anche delle famiglie di questi lavoratori.

 Fra i punti che i ristoratori, insieme agli altri, chiedono, in linea con le richieste di altri gruppi di protesta italiani, ci sono:

Mai più chiusure

No al coprifuoco

Apertura, a pranzo e a cena, sia dentro che fuori i locali

L’eliminazione del distanziamento di 2 metri

Tavoli anche per i frequentatori abituali, non più solo congiunti

I voucher emergenziali

L’esonero della richiesta del Durc

Blocco degli sfratti

Blocco immediato del distacco delle utenze

Reali sostegno alle imprese

Azzeramento delle tasse comunali relative alle imprese danneggiate dal Covid

Politiche di rilancio delle città.

“Scenderemo per strada per rivendicare la dignità del lavoro. Siamo stanchi di pagare, insieme a poche altre categorie penalizzate, il prezzo di norme che appaiono senza senso – dicono – Siamo allo stremo, perchè i ristori sono stati inadeguati e, nonostante la nostra disponibilità all’osservanza di tutte le regole stabilite dai Governi, dobbiamo constatare, amaramente, che le nostre aspettative sono state disattese”. A fronte di sacrifici che durano da mesi e con un comparto in ginocchio, i ristoratori, lamentano le discriminazioni con le quali sono state effettuate le chiusure che hanno finito per penalizzare solo lacune categorie di lavoratori.