Salvo Indovino su Totò Cuffaro e la DC

Salvo Indovino, neo componente della Dc valguarnerese, pungolato su Facebook con la domanda: <<Ma questo Toto’ Cuffaro è lo stesso che era stato condannato a sette anni di carcere per favoreggiamento a cosa nostra?>>, ha risposto dicendo: <<Iniziamo dal dire come mai questa scelta della nuova DC? Partiamo da qualche mese addietro: ottobre 2020.Come ben sapete a Valguarnera si sono svolte le elezioni comunali che hanno visto in contrapposizione due liste civiche con la vittoria dell’attuale sindaco. Dopo una analisi durata qualche mese tra i vari gruppi e movimenti che facevano parte della coalizione sconfitta alle elezioni, in molti hanno avuto e abbiamo avuto la necessità di ravvedere una nuova visione politica nel nostro paesello. È sorta la necessità di riscoprire la vita politica all’interno di partiti già ben strutturati oppure partiti nascenti. Dopo vari discussioni e incontri è parsa ragione buona e ragionata la scelta che Totó Cuffaro sta mettendo in atto in tutta la Sicilia. La rinascita della Democrazia Cristiana – Sicilia>>. Salvo Indovino, pungolato anche dal nostro Enzo Barnabà, ha aggiunto:<< Pensiamo sia il percorso giusto per ricominciare a fare politica all’interno di un partito che non ha né senatori, deputati e onorevoli siciliani all’interno. Si parte da gente più o meno giovane che ha voglia di scommettersi sotto il nome della Democrazia Cristiana. Cuffaro non è più nè candidabile né eleggibile. Ha solo un sogno: Far rivivere la DC a chi vuole affacciarsi ad un nuovo contesto politico e ad una nuova idea politica. Un primo passo è stato fatto costituendo un comitato commissariale nella persona di Davide Urzì che avrò il piacere di affiancare, e la consigliera Greco che con molto entusiasmo ha voluto aderire a questo nuovo progetto. Per personalità e senso umano non mi sono mai vergognato, sia sul campo politico e non, delle scelte fin qui fatte. Magari il tempo e la gran voglia di lavorare che abbiamo ci diranno se la strada intrapresa sia giusta o sbagliata. A parere nostro, da anni a Valguarnera manca, come detto nel mio post una idea diversa rispetto a quella che fin qui e in questi anni si è vista. È un periodo difficile dal punto di vista sociale. Nessuno dice niente e nessuno fa niente su delle scelte politiche e pensiamo che sentire più voci e anime possa giovare ad un sano e costruttivo dibattito>>.

 Arcangelo Santamaria