Presentati i progetti di riqualificazione del campo sportivo

Con una conferenza stampa svoltasi nella sala consiliare del Palazzo di città, la sindaca Francesca Draià e l’assessore allo Sport, Gianluca Arena, hanno presentato i progetti di riqualificazione del campo sportivo comunale, della pista di atletica e di costruzione di un campo di calcio a 5 in contrada Marcato. Ad aprire la conferenza è stato l’assessore Arena che ha esordito dicendo:<< Da ex calciatore e da amante dello sport in genere, pensare di avere un campo da calcio non più in terra battuta ma con un manto in erba sintetica, per me è un sogno che si realizza e per questo devo fare un plauso alla precedente amministrazione comunale per il lavoro svolto e perché ci ha consentito di avere un progetto pronto da fare finanziare>>. La Regione Sicilia, infatti, lo scorso 1 luglio ha deliberato il finanziamento a fondo perduto di 600 mila euro del progetto riguardante il campo sportivo di Valguarnera. Adesso si attende il relativo decreto e poi si darà il via libera alla gara d’appalto. I lavori prevedono il manto in erba sintetica per il campo da calcio, la ristrutturazione degli spogliatoi e quella del piano terra della palestra attualmente in uso agli atleti della Pro Sport 85 Valguarnera, “casa base” del saltatore in lungo Filippo Randazzo, che sabato scriverà una importante pagina di storia sportiva con la sua partecipazione ai Giochi olimpici di Tokyo. I lavori all’interno del campo sportivo, prevedono anche la sistemazione dell’area antistante gli spogliatoi ed un nuovo e moderno impianto di illuminazione. Ma per l’impiantistica sportiva valguarnerese le buone notizie non finiscono qui, visto il 2 agosto partiranno i lavori di retopping della pista di atletica; pista che, grazie ad altri fondi che erano stati previsti nel Piano economico finanziario, ne consentiranno anche la copertura. <<Entro la fine dell’anno- ha aggiunto Arena- inizieranno anche i lavori di costruzione di un campo di calcio a 5 in contrada Marcato; lavori che prevedono, oltre al campo di calcio a 5, l’installazione di 3 strutture che saranno utilizzate da spogliatoi>>. Questo progetto inciderà sulle casse del Comune di Valguarnera per 750 mila euro, una somma che è stata finanziata dal Credito sportivo. Una somma spropositata se si pensa solo alla struttura sportiva, ma che trova una spiegazione perché le opere accessorie prevedono la messa in sicurezza dell’intera area e in modo particolare della sovrastante via Simeto. Sia per il campo di calcio a 11 sia per quello di calcio a 5, l’assessore Arena e la sindaca Draià sono stati categorici:<< Le strutture saranno aperte solo dopo che saranno assegnate le loro rispettive gestioni, con appositi bandi e relative convenzioni. Il Comune non ha né i fondi né il personale da impegnare nella gestione degli impianti sportivi>>. La sindaca Draià, infine, ha voluto togliersi qualche sassolino dalle scarpe, dicendo: <<Sono stata accusata di non sapere programmare. Al momento, invece, con la programmazione dei 5 anni precedenti, avvenuta grazie all’assessore Fabio Riccobene e al nostro Ufficio Tecnico, stiamo raccogliendo i frutti che abbiamo seminato. Al mio arrivo, nel 2015, ho trovato un solo progetto (la scuola Don Bosco), adesso ne abbiamo in fase di realizzazione diversi. Stiamo anche procedendo all’accatastamento di vari immobili comunali, compresa la palestra, e cercando di colmare anche questa lacuna che abbiamo trovato>>.

Arcangelo Santamaria