Scuola di musica di Cerami fucina di talenti

Il futuro degli studenti della scuola media inferiore, “G. Verga” di Cerami, accorpata all’istituto “Don Bosco” di Troina è rappresentato dalle 5 righe del pentagramma musicale. Ci sarà un’aria particolare ai 970 metri di altezza del piccolo comune ennese. Un’aria intrisa di note musicali che si trasformano in magici accordi e splendide melodie, quando escono fuori dagli strumenti dell’orchestra “Keramos”, (nome greco dell’antica Cerami), che ha meravigliato tutti e vinto quasi tutto quello che c’era da vincere al concorso internazionale “MusicalMuseo” di Caltanissetta, evento di prestigio patrocinato dall’Unesco, dalla Presidenza della Repubblica, giunto alla settima edizione. I 12 elementi dell’orchestra Keramos, sul palco di Palazzo Moncada, hanno lasciato di stucco gli spettatori . Un successo suffragato dai voti della giuria che ha consegnato il gradino più alto del podio nella rassegna riservata a formazioni di gruppi e solisti della sezione scuole secondarie di primo grado. Una vittoria che ha tutto il sapore del “miracolo musicale”, perchè l’orchestra di Cerami (comune sulle montagne del centro Sicilia) con appena 2 mila abitanti ed una scuola media con un solo corso di appena 3 classi) ha sbaragliato la concorrenza delle 68 scuole provenienti da tutte le parti d’Italia, con la votazione di 100/100 e l’attribuzione del primo premio in assoluto e borsa di studio per la categoria “Ensemble”, con il brano “Children di “R. Miles”, arrangiato e diretto dal professore Antonino Piscitello. Ma chi sono i piccoli musicisti prodigio? Salvo Baudo, Simone Intili, Francesco Bontempo, Mario Cocomero, Salvatore Misuraca, Nino Schillaci, Alisia Chiovetta, Lavinia Intili, Davide Testa, Francesco Milia, Federico Pirrello e Giuseppe Stazzone. Una “magnifica dozzina”, i cui nomi vanno bene annotati, perchè ad essi (speriamo tutti), il mondo musicale potrebbe riservare una splendida carriera. Ovviamente, come tutti i risultati di prestigio, nulla arriva per caso. Dietro la passione e alla predisposizione dei ragazzi, c’è il lavoro di un gruppo di insegnanti preparati e vogliosi di fare bene. Vincenzo Tamburello (docente responsabile, maestro di clarinetto e sax), Maurizio Scaminante (chitarra), Gabriele Casella (pianoforte) e Antonio Piscitello (docente di percussioni), sono i maestri d’arte di questa fucina di talenti. Ed è proprio ad Antonino Piscitello, estroso insegnante valguarnerese, che è venuto in mente di fare eseguire alla “Keramos”, un pezzo di musica dance. Una alchimia musicale, splendidamente riuscita. <<Sono arrivato a Cerami- racconta il professore Piscitello- lo scorso mese di novembre. Provengo dal liceo musicale di Enna ed ho scelto Cerami per fare una nuova esperienza. Una esperienza che si è rivelata entusiasmante al punto da cancellare le difficoltà del lungo e tortuoso viaggio che da Valguarnera conduce a Cerami. Ho subito notato che l’ambiente era musicalmente aperto e voglioso di nuove esperienze. Interpretare un brano di musica dance con strumenti classici non è per nulla facile. Ci siamo riusciti ed il merito va a tutta la scuola di Cerami>>. Al concorso nisseno, per i ragazzi della scuola “Verga” i successi non sono stati solo di squadra. Per la categoria solisti di chitarra, è stato un vero exploit: primo premio assoluto con la votazione più alta di 100/100, è stato anche quello ottenuto dalla giovanissima studentessa Lavinia Intili. Primo posto anche per Ottavia Catalano e Francesco Milia, entrambi con punteggio 97/100. Secondo piazzamento per i solisti Lorena Montesano, Sveva Chiovetta e Luca Schillaci. Gongola il preside Luciano Maria Sambataro che dice: <<I magnifici risultati raggiunti dai nostri ragazzi, testimoniano la vitalità culturale del nostro istituto scolastico, improntato all’armonia e alla socializzazione. Senz’altro, un segnale di fiducia per il futuro>>.

Arcangelo Santamaria