+++Non perderti il piacere di leggere le notizie di Valguarnera.com come e quando vuoi anche dopo 3 giorni dalla loro pubblicazione. Abbonati adesso per usufruire dei privilegi riservati ai nostri sostenitori.+++

Sfilata in abiti medievali degli Studenti dell’IIS Da Vinci di Piazza Armerina alla “Notte dei luoghi”

L’I.I.S. Da Vinci si Piazza Armerina, diretto dalla Prof. ssa Marinella Adamo, ha accolto con entusiasmo l’invito a partecipare alla “Notte dei luoghi, della partecipazione e della consapevolezza UNESCO”. Gli studenti, coordinati dalle Prof.sse Marina Roccaforte, M.Assunta Armanna e Daniela Belfiore, indosseranno, per l’occasione, abiti medievali, percorrendo alcune vie del centro storico.

Continua a leggere

Forza Italia e Altra Voce denunciano il Collegio dei Revisori per ipotesi di comportamento omissivo

I capigruppo consiliari dell’“Altra Voce per Valguarnera” e “Forza Italia” hanno inviato una nota indirizzata alla Procura della Repubblica, alla Procura della Corte dei Conti, all’Ordine dei Commercialisti e al Ministero dell’Economia e Finanze al fine di denunciare l’ipotesi di comportamento omissivo da parte del Collegio dei Revisori, il quale non ha effettuato esame di merito sulla delibera di Giunta Comunale riguardante il “provvedimento di assegnazione somme nel procedimento di esecuzione n. 12/2016 R.G. a favore del dott. Brancè – Approvazione proposta di transazione rateizzazione pagamenti”.

Continua a leggere

Il Direttore dell’Ufficio Beni Ecclesiastici sulla chiusura di San Francesco e la ristrutturazione della chiesa di San Liborio.

Abbiamo contattato don Paci, direttore dell’Ufficio Beni Ecclesiastici della diocesi di Piazza Armerina, per avere notizie in merito alla chiusura della chiesa valguarnerese di San Francesco di Paola, avvenuta lo scorso 3 ottobre, a causa di un crollo di un grosso masso dalla cornice del portale centrale e di altri calcinaci dea prospetto centrale dell’immobile.

Continua a leggere

Sequestro preventivo di oltre 1,5 milioni di euro ad una società ennese della grande distribuzione

L’indagine della Guardia di Finanza di Enna, partita dall’approfondimento di alcune atipiche movimentazioni societarie, mediante complesse indagini finanziarie e documentali, ha permesso di stabilire la riconducibilità della società, oggetto dell’indagine, a quattro persone, le quali, attraverso l’interposizione fittizia di soggetti prestanome e avvalendosi anche dell’apporto di professionisti del settore, hanno posto in essere operazioni societarie e immobiliari con chiare finalità fraudolente.

Continua a leggere