Negli Scuolabus di Valguarnera cassette di “Primo soccorso” scadute fin dal 1996

Una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Enna intercettava uno scuolabus del Comune di Valguarnera durante l’itinerario del prelievo degli studenti dalle rispettive abitazioni. Al termine del percorso e dopo la discesa degli ultimi passeggeri, in Via Sant’Elena, la pattuglia della Polstrada procedeva ad effettuare un controllo dello scuolabus. Numerose le infrazioni rilevate.

Continua a leggere

Taglio di alberi in paese, gruppo di cittadini diffida il Comune di Valguarnera.

Le ditte che eseguono i lavori di potatura e abbattimento degli alberi, non percepiscono nessun compenso e il loro guadagno deriva dalla quantità di legna ricavata dai tagli eseguiti. E chiaro che più legna tagliano e più guadagnano. Ma chi ha stabilito che gli alberi sono “pericolanti”? Chi controlla se gli alberi vengono tagliati a norma di legge?

Continua a leggere

Intitolazione piazza a Giuseppe Barbarino, la figlia: “L’uccisione di mio padre ha segnato in maniera indelebile la vita della mia famiglia”

Il carabiniere valguarnerese, perse la vita insieme ai colleghi Candido Leo e Clemente Villani, durante una sparatoria avvenuta lungo la tratta ferroviaria Frugarolo-Novi Ligure, mentre si stava procedendo alla traduzione di 2 detenuti che maldestramente tentarono la fuga dalla quale scaturì la loro uccisione e quelle dei 3 carabinieri.

Continua a leggere

Ispezione dell’Asp al cantiere Progitec di Valguarnera. Ambiente di lavoro non rispetta condizioni minime igienico-sanitarie

Il direttore del Dipartimento, Giuseppe Stella, ha inviato una relazione su quanto riscontrato alla fine di marzo nell’immobile di contrada Paparanza, di recente preso in affitto dalla Progitec, oltre che alle istituzioni comunali valguarneresi anche alla Procura della repubblica di Enna, all’Ispettorato del lavoro, al prefetto di Enna e al responsabile della ditta Progitec.

Continua a leggere

Polemiche tra esercenti e la Sindaca per delle foto pubblicate sui social

La sindaca Francesca Draià, con un post sul proprio profilo Facebook, corredato da relative foto, si è lamentata delle condizioni in cui viene fatta ritrovare la centralissima via Sant’Elena la domenica mattina. Ma la “sfuriata social” del primo cittadino non è andata giù a diversi commercianti che, oltre vedersi mettere alla berlina sui social con foto dei loro negozi, hanno replicato pubblicando fotografie di cani randagi che fanno razzia dei rifiuti

Continua a leggere