Appalti dei rifiuti truccati. Arrestato il Sindaco di San Pietro Clarenza e l’amministratore della Progitec

Arrestato Angelo La Piana, amministratore della Progitec Srl, la ditta che, da circa 2 anni gestisce il servizio rifiuti a Valguarnera. la Progitec, avrebbe garantito, al sindaco di San Pietro Clarenza, sponsorizzazioni di eventi sportivi organizzati da suoi familiari e l’assunzione da parte dell’impresa di persone che garantivano il suo appoggio elettorale

Continua a leggere

Estorsione ai danni di un dipendente, denunciati dalla Guardia di Finanza due datori di lavoro

La complessa indagine condotta dalla Guardia di Finanza di Nicosia coordinata dalla Procura della Repubblica di Enna, ha di fatto posto fine a tale comportamento illegale volto alla perpetrazione di pratiche vessatorie poste in essere da due fratelli, titolari di un’attività economica operante in…

Continua a leggere

Lotta alla contraffazione, sequestrati oltre 2mila prodotti non conformi

Nei primi mesi dell’anno sono stati oltre 2mila gli articoli sottoposti a sequestro dai Reparti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Enna che nell’ambito di specifici controlli presso esercizi commerciali di Enna e Piazza Armerina hanno rinvenuto prodotti di varia specie, giocattoli, bigiotteria e abbigliamento, risultati non conformi alle prescrizioni del Codice del Consumo

Continua a leggere

Operazione NEBROS II, 15 ordinanze cautelari per i pascoli del Parco dei Nebrodi

Una complessa ed articolata attività investigativa ha permesso di acclarare una vasta infiltrazione della criminalità organizzata di stampo mafioso nell’aggiudicazione dei pascoli demaniali del Parco dei Nebrodi, finalizzata al conseguimento di contributi comunitari nel corso degli anni per importi milionari.

Continua a leggere

Sequestro preventivo di oltre 1,5 milioni di euro ad una società ennese della grande distribuzione

L’indagine della Guardia di Finanza di Enna, partita dall’approfondimento di alcune atipiche movimentazioni societarie, mediante complesse indagini finanziarie e documentali, ha permesso di stabilire la riconducibilità della società, oggetto dell’indagine, a quattro persone, le quali, attraverso l’interposizione fittizia di soggetti prestanome e avvalendosi anche dell’apporto di professionisti del settore, hanno posto in essere operazioni societarie e immobiliari con chiare finalità fraudolente.

Continua a leggere