Il Comune di Enna invia le bollette rifiuti in c.da Mandrascate per i rifiuti che vengono conferiti nei cassonetti Valguarneresi…

Monta la protesta tra i valguarneresi le cui case di villeggiatura si trovano in contrada Mandrascate, il cui agro appartiene al comune di Enna. Mugugni e proteste segnalate anche alla nostra Redaizone, perchè gli è stata recapitata la bolletta sul servizio rifiuti; una bolletta che ritengono ingiusta. E sono mazzate, visto che dal comune ennese starebbero arrivando le quote che riguardano gli anni arretrati e che rischiavano di cadere in prescrizione. Nessuno degli utenti di contrada Mandrascate, vorrebbe esimersi dal pagare, ma sottolineano che dal comune di Enna vorrebbero in cambio il servizio di raccolta dei rifiuti. Contrada Mandrascate si trova alle porte di Valguarnera, paese da sempre penalizzato dall’esiguità del suo territorio. Pertanto, sia chi ha delle abitazioni in contrada Mandrascate, sia gli altri valguarneresi le cui case di villeggiatura o addirittura residenza ricadono nei territori di Piazza Armerina, Assoro ed Aidone, conferiscono i rifiuti a Valguarnera. Paradossalmente, quindi, a smaltire la spazzatura prodotta (specialmente in estate), da centinaia di utenze è il comune valguarnerese, ma ad incassare la relativa tassa sono gli altri comuni. Valguarnera, quindi, è penalizzata due volte. Sia perchè i rifiuti prodotti in altri territori, alla pesa in discarica vengono conteggiati ai propri autocompattatori, sia perchè la tassa viene incassata da altri. Da anni, alle varie amministrazioni comunali che si sono susseguite, è stato chiesto di risolvere questa anomalia. La soluzione di tutti i mali, ma anche la più complicata, sarebbe quella di acquisire le fette di territorio più vicine al paese. L’altra soluzione, invece, sarebbe quella (più attuabile), di stipulare delle convenzioni con i comuni Enna, Piazza Armerina, Aidone ed Assoro, e farsi stornare i soldi incassati da questi enti per il servizio smaltimento rifiuti che in realtà è effettuato dal comune di Valguarnera.

Arcangelo Santamaria