Partite pregresse. Il Sindaco replica alle accuse sarcastiche sulla sua assenza all’assemblea

Il sindaco Francesca Draià replica alle accuse del comitato cittadino e del Movimento 5 Stelle, che avevano sarcasticamente sottolineato l’assenza del primo cittadino all’assemblea che qualche giorno addietro ha deciso per la sospensione delle partite pregresse relative alle bollette dell’acqua. Francesca Draià, vista in giro per il paese a ballare per le parate del carnevale, mentre ad Enna si consumava la riunione tra i sindaci della provincia, afferma: <<Purtroppo non si hanno altre argomentazioni per attaccare un sindaco che vive tra la gente e condivide tutto con la propria comunità. Sono state sempre presente- aggiunge- alle assemblee riguardanti il tema dei Rifiuti dell’acqua e dei Piano di zona>>. Draià dice la sua sulle partite pregresse e afferma:<< E’ stato fatto un consiglio comunale e ho sempre sostenuto di essere per la revoca se atto legittimo e nel potere dell’Ati. Non sono d’accordo per la sospensione perché non risolve il problema ma lo sposta soltanto nel tempo. Comunque quella decisa è una sospensione virtuale perché le partite pregresse sono una parte della tariffa approvata dall’Autorità nazionale e se il gestore non aderisce i cittadini troveranno le quote pregresse in bolletta in ogni caso>>. Il sindaco risponde agli attacchi subìti. << Purtroppo a pochi e sempre gli stessi non va giù che questo giovane sindaco sta lavorando per raggiungere obiettivi ogni giorno, senza alcuna improvvisazione e senza cavalcare l’onda del populismo>>. Draià conclude sulla vicenda riguardante la querelle col prefetto di Enna. << Con il prefetto non è in atto nessuno scontro e c’è massimo dialogo e rispetto. Però era importante fare delle precisazioni sul tema dei rifiuti, visto che è da tempo che evidenziamo la criticità del sistema Rifiuti che ormai da troppo tempo non funziona>>.

Arcangelo Santamaria