A QUALE AREA LINGUISTICA APPARTIENE IL CARRAPIPANO ?

Il siciliano, come tutti i dialetti di questo mondo, è parlato in modo diverso nei vari paesi dell’isola. Queste varianti sono state studiate, classificate e raggruppate in modo da disegnare la carta linguistica della Sicilia. Dove inserire il carrapipano? Nel gruppo chiamato nisseno-ennese, nel catanese, in un altro gruppo? L’esercizio proposto oggi intende far riflettere su un fenomeno centrale della nostra parlata in modo da poter catalogarla correttamente.
Viene fornita una lista di 10 parole che vengono trascritte in catanese ed in ennese. Si chiede agli “alunni” di trascrivere le parole in carrapipano (senza dimenticare di usare i segni “j” e “w” già studiati) e di rifletterci su, in modo da poter rispondere alla domanda posta all’inizio.
Se siete interessati, collegatevi con la pagina Facebook delle “Lezioni di carrapipano” e fate l’esercizio pubblicato in alto e intitolato A QUALE AREA APPARTENIAMO?

Avete tempo fino al 31 dicembre. Buon lavoro!