Aggrediscono e rapinano un giovane gambiano durante la visita del Papa a Piazza Armerina. Arrestati 3 giovani

Operazione «Fight Club ». Arrestati dalla Polizia di Stato i 3 giovani che, nel giorno della visita del Santo Padre nella città dei mosaici, avevano aggredito e rapinato un giovane gambiano – addirittura spezzandogli i denti – nonché, uno di essi, minacciato un altro extracomunitario, al fine di farsi consegnare dello stupefacente; fatti, tutti, avvenuti all’interno della Villa Comunale di Piazza Armerina.

Continua a leggere

Operazione NEBROS II, 15 ordinanze cautelari per i pascoli del Parco dei Nebrodi

Una complessa ed articolata attività investigativa ha permesso di acclarare una vasta infiltrazione della criminalità organizzata di stampo mafioso nell’aggiudicazione dei pascoli demaniali del Parco dei Nebrodi, finalizzata al conseguimento di contributi comunitari nel corso degli anni per importi milionari.

Continua a leggere

Arrestato gruppo criminale che si era recato in trasferta a Piazza Armerina per mettere a segno una rapina ai danni di un pensionato.

Sin dalle prime luci dell’alba, la Polizia di Stato – in particolare la Squadra Mobile di Enna ed il Commissariato di P.S. di Piazza Armerina, con la collaborazione della Squadra Mobile di Catania – sta procedendo all’arresto di alcuni soggetti, dimoranti fra i noti quartieri di Librino e San Cristoforo

Continua a leggere

Traffico di stupefacenti alla Villa Comunale di Piazza Armerina, trovate dosi pronte tra la vegetazione. Arrestati due pusher.

Nella tarda serata sabato, nell’ambito dell’implementazione dei servizi finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, disposta dal Questore di Enna, Dr. Antonino Pietro Romeo, la Polizia di Stato, ed in particolare gli uomini della Squadra Mobile di Enna, hanno dato un deciso giro di vite al mercato illecito della droga nella città dei mosaici, traendo in arresto due pusher…

Continua a leggere

Chiedeva il pizzo “in nome” di un noto boss di “cosa nostra”. Arrestata dipendente del Comune di Valguarnera

(Foto all’interno) – Le indagini, eseguite dagli uomini della Squadra Mobile di Enna, sono state coordinate brillantemente dall’anzidetta Procura Distrettuale Antimafia. In particolare, la donna, dipendente del Comune di Valguarnera Caropepe, contattava un importante imprenditore della Provincia di Enna, richiedeva allo stesso, a titolo di “protezione”, una percentuale del complessivo fatturato annuo della sua attività imprenditoriale aggiungendo che tale richiesta proveniva da

Continua a leggere